“PANCIA PIATTA”

pancia piatta

Maggio 11, 2020

Un errore che si fa comunemente per ottenere la “pancia piatta è cercare la soluzione che risolva il problema.
Nel caso dell’inseguimento della “pancia piatta” spesso ci si concentra solo sull’esercizio, o sul prodotto, o sul quando invece ci sono vari fattori da considerare e su cui intervenire….

1) percentuale di massa grassa totale e locale.

Tante persone nel parlano di “pancia gonfia”, “ritenzione idrica”, quando spesso è in gioco il grasso.
La massa grassa corporea, intesa come percentuale totale, è un fattore modificabile con la dieta e l’attività fisica . La massa grassa locale, soprattutto nella zona addominale è legata a una predisposizione genetica e ormonale. Purtroppo tanto nelle donne quanto soprattutto negli uomini è una zona altamente grasso-resistente…la possibilità di ridurre il grasso localizzato in alcuni casi richiede molto più sforzo che non per altri soggetti con una diversa genetica.
Ma fortunatamente il tessuto adiposo locale non è il solo parametro.

2) tono muscolare

L’addome è un fascio muscolare molto esteso, fatto di tantissimi strati e fasce. Per allenare l’addome non basta UN esercizio (tipicamente ci si concentra sul “crunch”), ma una moltitudine di esercizi (planck, crunch, isometrie…) e di stimoli ( statici, dinamici, con carico, senza carico…) , ripetuti con costanza e fatti con attento criterio (controllando il movimento e la velocità di esecuzione….).
Non solo “addominali”, ovvero esercizi di contrazione a carico dell’addome. In esercizi in cui il movimento vero è proprio è svolto da altri segmenti corporei (come lo squat con carico). L’addome lavora in maniera intensa come stabilizzatore allenando quindi anche i fasci più profondi.

3) gonfiore intestinale

Quando anche si curano adeguatamente la massa grassa e magra locali, il gonfiore addominale può contrastare la “pancia piatta”. In molti casi è un gonfiore occasionale o temporaneo, fisiologico. Legato all’ingestione di alimenti che hanno un volume in sé e la cui fisiologica digestione comporta processi tra cui la fermentazione da parte della flora batterica intestinale.
E’ assolutamente normale, soprattutto dopo che si consumano verdure o carboidrati, magari in quantità importanti (come una pizza!).

Ci sono alcuni casi in cui però il gonfiore è legato ad una situazione di disbiosi (alterati equilibri della flora batterica intestinale che causa processi fermentativi/putrefattivi alterati).
La disbiosi è una condizione strettamente legata perlopiù ad una alimentazione disordinata. Oltre che da fattori quali stress, uso di antibiotici, farmaci antiacido e pro-motilità, lassativi etc e talvolta associata ad alcune condizioni cliniche.
In questi casi è facile che il gonfiore legato alla disbiosi si associ a tutta una serie di altri sintomi. Molto compatibili con una intolleranza -stipsi/diarrea, dolore, nausea, stanchezza, indigestione- , ma che non sono affatto sintomo di una intolleranza a determinati alimenti. (si parla di intolleranza solo per una minoranza di alimenti tra cui lattosio e glutine), ma frutto di un’alimentazione e di un intestino in disordine.

Cosa Fare in Questi Casi

In questi casi è indispensabile indagare la qualità dell’alimentazione e correggere equilibri in modo tale da favorire il ripristino della flora batterica intestinale e della funzionalità intestinale.
Solo in una netta minoranza dei casi il gonfiore è dovuto a effettive intolleranze o a patologie gastrointestinali, che richiedono accertamenti e diagnosi medica.

E’ importante sottolineare che in nessuno di questi casi l’assunzione di drenanti, lassativi , probiotici, prebiotici, farmaci pro-motilità sono raccomandabili e utili se non si interviene all’origine sulle possibili cause del gonfiore (spesso hanno solo effetto temporaneo e hanno effetti collaterali importanti), e in ogni caso senza prescrizione/indicazioni di un medico/professionista.

All’Officina del Corpo trovi un servizio di counseling appassionato e competente su tutti gli aspetti legati alla nutrizione e al movimento fisico.

Continua a leggere le nostre news e ti consigliamo di leggere questo articolo Il Glutine imputato del giorno per “Gonfiore”, “Aumento di Peso”, “Intolleranza” … Qual’è il verdetto?

Diana Severgnini-Dietista

Articoli correlati…

Sindrome da tech neck

Sindrome da tech neck

Sindrome da tech neck, ovvero una sintomatologia dolorosa legata all’uso quotidiano della tecnologia. La prolungata o...

Il dolore neuropatico

Il dolore neuropatico

Il dolore neuropatico è definito come una lesione o un patologia del sistema nervoso somatosensoriale centrale e/o...

×

Ciao

Contatta il nostro supporto o chiamaci al 334 7716221

× Scrivici per un appuntamento!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Vuoi leggere la nostra Privacy Privacy policy Officina del Corpo

Chiudi