GAMBE GONFIE

gambe gonfie e pesanti

Luglio 17, 2021

Gambe gonfie e pesanti: il problema -soprattutto al femminile- che si intensifica d’estate. Cosa fare?
Innanzitutto è bene tenere presente che questo fenomeno è in buona parte normale e fisiologico (funzionale) legato al fatto che d’estate il corpo tende a trattenere maggiormente liquidi come risposta alle alte temperature per preventivare il rischio di disidratazione (e questo in diversi casi può spiegare possibili aumenti di peso anche pari a 1 kg, che sono legati a un aumento dei liquidi corporei extracellulari)
Del resto, però, ci sono alcuni fattori che possono amplificare la ritenzione idrica e -in alcuni soggetti – dare luogo a una situazione di ritenzione idrica con sintomi particolarmente fastidiosi e invalidanti, che spesso sono gli stessi fattori che contribuiscono all’instaurarsi di stati ipertensivi e di disordini cardiovascolari.
Questi fattori sono :
◼ sedentarietà, scarso movimento che non favorisce il ricircolo e il drenaggio dei liquidi e delle scorie metaboliche
◼ lo stare tante ore in piedi, che aumenta il ristagno di liquidi e scorie metaboliche negli arti inferiori
◼ alimentazione con apporti eccessivi di sale, che richiama e fa trattenere acqua. L’alimentazione di un adulto italiano tipico vede un eccesso degli apporti di sale parti al doppio dei limiti raccomandati OMS, fattore correlato all’alta prevalenza di ipertensione e disturbi cardiovascolari. Diversamente da quanto si pensa, il sale in eccesso della dieta non è legato tanto al sale “discrezionale” ovvero quello utilizzato in fase preparazione dei pasti o aggiunto alle pietanze (che certo va moderato), quanto soprattutto al sale già contenuto in diversi alimenti e pietanze come:

  • prodotti trasformati (industriali o artigianali che siano). Per ordine di impatto : salumi, affettati, formaggi stagionati, pesce conservato/affumicato (es salmone affumicato, tonno in scatola), dado, cibi pronti (primi, burger e polpette…), condimenti e salse (es di soia, pesto, maionese, sughi elaborati), patatine, cracker, grissini e prodotti secchi più o meno lievitati da forno, e le “fonti nascoste di sale” (perché risultano dolci) come biscotti, merendine, cereali da colazione…
  • “pasti (e aperitivi) fuori casa”, dove si servono tipicamente prodotti a più elevato contenuto di sale e/o si salano di più le pietanze che aggradano così di più il consumatore medio.
    ◼ alimentazione ad alto potere infiammatorio, ovvero con un eccessivo consumo di alimenti confezionati, processati e raffinati, ricchi di zuccheri e grassi saturi, con scarso consumo di verdura, frutta, legumi, cereali integrali e in generale cibi vegetali poco lavorati, al naturale.
    ◼ scarsi apporti idrici. Consumo eccessivo di caffè e alcool che favoriscono la disidratazione.
    I consigli per alleviare il gonfiore:
    ◼ fare regolare attività fisica, sia aerobica (che aiuta a sudare ed eliminare liquidi in eccesso) che di forza muscolare (un muscolo ben sviluppato “pompa” meglio i liquidi più trattenuti a livello interstiziale)
    ◼ attenzione alla postura, per evitare posizioni che aumentino l’infiammazione dei tessuti
    ◼ moderare e ridurre gradualmente il sale aggiunto alle pietanze, facendo ampio uso di erbe, spezie e odori (aglio, cipolla, scalogno, porro) per insaporire, che contengono anche sostanze bioattive antinfiammatorie positive
    ◼ seguire una dieta mediterranea antinfiammatoria a prevalente base vegetale, moderando consumo di salumi, affettati, formaggi stagionati, e tutti gli altri prodotti che sono anche ricchi si sale (importante LEGGERE LE TABELLE NUTRIZIONALI -vedi immagine- e cercare di limitare il consumo di alimenti ) e/o zuccheri (evitare bevande zuccherate, yogurt e simili zuccherati; moderare biscotti, merendine e dolci) e dando ampio spazio a legumi, pesce e uova, cereali integrali con prevalente consumo di prodotti freschi minimamente lavorati (cucinati con semplici preparazioni casalinghe), ricca di verdura e frutta con sostanze bioattive dal potere antiossidante e diuretico (principio di integrazione alla base di diversi integratori per ridurre il gonfiore e la ritenzione idrica. L’utilizzo di diuretici può peggiorare i sintomi, perché induce perdita di liquidi dal sangue causando disidratazione generale senza in realtà andare a drenare i liquidi che ristagnano nell’interstizio dei tessuti ed è quindi assolutamente sconsigliato l’uso senza supervisione medica.
    Non è nemmeno necessario fare intensi periodi cosiddetti di “detox” che spesso -escludendo una vasta gamma di alimenti – si configurano come severe restrizioni nutrizionali e caloriche (in cui è peraltro difficile fare il movimento che sarebbe invece più funzionale) che -se abbassano il potere infiammatorio della dieta con potenziale positivo- di fatto di norma intaccano molto la massa muscolare (fondamentale per un buon drenaggio dei liquidi e tono dei tessuti) e i liquidi intracellulari (associati alle riserve energetiche di muscolo e fegato), ragioni per cui determinano anche perdite di peso importanti, ma che durano poco (non appena si torna a mangiare normale, le riserve e i liquidi intracellulari si ristabiliscono) e di fatto non si associano a miglioramenti dei liquidi trattenuti a livello interstiziale (ci si sgonfia, ma a un livello non funzionale) ma più facilmente a peggioramenti della composizione corporea e stato nutrizionale.
    In conclusione, in media stat virtus: non esistono quindi alimenti o bevande o rimedi miracolosi anti-gonfiore (né sono necessari!), ma è il complesso di una alimentazione completa ed equilibrata di stampo mediterraneo, perlopiù vegetale e ricco di prodotti freschi e minimamente lavorati (mantenuta sempre!) e dello stile di vita che può essere funzionale a mantenere il benessere e limitare il discomfort associato a eccessiva ritenzione idrica e soprattutto prevenire che questo sia associato anche a sviluppo di ipertensione e problemi cardiovascolari.

Diana Severgnini – Dietista

Articoli correlati…

Sindrome da tech neck

Sindrome da tech neck

Sindrome da tech neck, ovvero una sintomatologia dolorosa legata all’uso quotidiano della tecnologia. La prolungata o...

Il dolore neuropatico

Il dolore neuropatico

Il dolore neuropatico è definito come una lesione o un patologia del sistema nervoso somatosensoriale centrale e/o...

×

Ciao

Contatta il nostro supporto o chiamaci al 334 7716221

× Scrivici per un appuntamento!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Vuoi leggere la nostra Privacy Privacy policy Officina del Corpo

Chiudi