LA KINESIOFOBIA ASSOCIATA ALLA LOMBALGIA

kinesiofobia

Aprile 25, 2021

Vi è mai capitato di sentire parlare di kinesiofobia? Si tratta di “paura del movimento”. Vediamo insieme come associarla alla lombalgia.

La lombalgia viene definita come dolore con presenza o meno di limitazione funzionale, compreso fra il margine inferiore dell’arcata costale e le pieghe glutee inferiori, con eventuale irradiazione posteriore alla coscia ma non oltre il ginocchio. Può determinare assenza da lavoro e limitazioni nelle attività di vita quotidiana.
È il disturbo osteoarticolare più frequente e circa il 70% della popolazione, sperimenta questa condizione di “mal di schiena” almeno una volta nella vita.
In Italia la percentuale di cronicità si aggira intorno al 5-9%.

Ma perché si arriva ad una condizione di cronicità e quindi avere dolore anche per 1 anno?

Esistono dei fattori sfavorevoli che devono essere sempre considerati nel trattamento di un soggetto con mal di schiena: le cosiddette “yellow flags”. Questi sono dei fattori individuali che quando presenti fanno si che la lombalgia non si fermi ad essere soltanto un problema fisico ma bensì anche psicologico e sociale.
Una di queste yellow flags è proprio la kinesiofobia o “paura del movimento”.
Il paziente con mal di schiena inizia così ad evitare determinate attività perché sicuro che poi avrà dolore; con il tempo però, questo porterà ad una condizione di forte limitazione nelle attività di vita quotidiana e a forti restrizioni nella vita partecipativa/sociale.
Per evitare così il “possibile dolore”, i soggetti tenderanno a muoversi sempre meno con movimenti più lenti, poco variabili e con maggiore rigidità.
Tutto questo andrà ad aumentare la probabilità che il nostro mal di schiena diventi cronico e che colpisca anche la sfera psico-sociale.

Quale potrebbe essere il trattamento più opportuno?

Il soggetto con mal di schiena e con la presenza di yellow flag come la kinesiofobia, dovrebbe essere rieducato con una esposizione graduale all’attività.
Con l’aiuto di un fisioterapista si andrà a formulare un programma graduale di esercizi individualizzati e un protocollo riabilitativo per risolvere la sintomatologia dolorosa e per prevenire una possibile cronicizzazione.
Con l’aiuto di esercizi a bassa intensità, individuali o di gruppo, e ripetitivi, si arriverà a rompere questo legame movimento-dolore; inoltre con la combinazione di tecniche di terapia manuale come manipolazioni e mobilizzazioni si andrà a contrastare la sintomatologia fino a risolverla.

La soluzione migliore quindi, per affrontare la lombalgia e la “paura del movimento” associata, è la ripresa graduale dell’attività e dell’esercizio fisico e non assolutamente quella della limitazione del movimento quotidiano abitudinario.

Francesco Magagna

Articoli correlati…

Sindrome da tech neck

Sindrome da tech neck

Sindrome da tech neck, ovvero una sintomatologia dolorosa legata all’uso quotidiano della tecnologia. La prolungata o...

Il dolore neuropatico

Il dolore neuropatico

Il dolore neuropatico è definito come una lesione o un patologia del sistema nervoso somatosensoriale centrale e/o...

×

Ciao

Contatta il nostro supporto o chiamaci al 334 7716221

× Scrivici per un appuntamento!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Vuoi leggere la nostra Privacy Privacy policy Officina del Corpo

Chiudi