RUNNING … AD OGNUNO LA PROPRIA SCARPA!

corsa

Febbraio 10, 2020

Quando decidiamo di comprare per la prima volta una scarpa da running, o di cambiarla, ci imbattiamo spesso in una selva di schede tecniche ricche di informazioni e caratteristiche della scarpa. Oppure più semplicemente, ci troviamo di fronte il commesso del negozio che decanta le varie tecnologie e peculiarità dei molteplici modelli e brand.
Da una parte si trova il cliente, quindi potenziale acquirente della scarpa, che chiaramente è abbastanza influenzato dalle pubblicità, dal passaparola, dall’amico che ha fatto il personal best la domenica precedente o che più semplicemente si lascia prendere dal design o colore attraente della scarpa. Dall’altra parte l’addetto vendita che, oltre ad avere esperienza diretta di corsa, DEVE conoscere i materiali, le varie tecnologie e mettere il tutto in relazione alle caratteristiche del runner che ha di fronte.

L’ANALISI DEL CORRIDORE

Nell’analisi del corridore bisogna tenere, quindi, in considerazione:

  • Eventuali problemi fisici.
  • Se porta i plantari.
  • Il suo peso corporeo.
  • La sua andatura e quindi velocità media abituale.
  • Il tipo di appoggio (in pronazione, in supinazione o neutro).
  • Lo stile di corsa (di tallone o avampiede).
  • Il tipo di allenamento svolto abitualmente (breve e veloce o lungo e lento), oppure se le scarpe servono solo per la gara.

Una volta acquisite tutte queste informazioni, e avendo osservato, per quanto è possibile il corridore nel gesto atletico, un bravo ed esperto venditore, sicuramente avrà già in mente due o al massimo tre modelli di scarpa da consigliare.
Purtroppo, spesso in giro per i parchi si vedono runner con scarpe non idonee alle proprie caratteristiche. Altrettanto spesso fisioterapisti e osteopati si ritrovano a rimediare ai danni causati dalla calzatura sbagliata.

GLI INFORTUNI PIÙ COMUNI

Gli infortuni più comuni derivanti dalla scarpa non adatta sono: periostite, fascite plantare, metatarsalgia, neuroma di Morton, tendinite achillea, borsite retrocalcaneare ecc…
Queste patologie vengono trattate, quasi sempre con risoluzione, dall’osteopata o dal fisioterapista. È importantissima la “prevenzione”, e quindi la scelta della scarpa da running giusta, indipendentemente dal colore, dal brand, dal design, dall’amico che va più forte, da Kipchoge che batte il muro delle 2 ore in maratona, e da tutte le varie diavolerie che le case produttrici di scarpe mettono in atto per rendere il proprio prodotto accattivante.
All’Officina del Corpo con competenza e professionalità consigliamo al meglio i nostri clienti nella scelta della scarpa da running più adatta, non solo in quanto validi professionisti ma anche atleti in prima persona. Guidiamo il cliente nella scelta dell’acquisto affidandolo infine ai nostri negozi di fiducia a Milano con una scontistica riservata.

Continua a leggere le nostre news e ti consigliamo di leggere questo articolo L’osteopatia per il maratoneta

Francesco Damiani – Osteopata e Massofisioterapista

Articoli correlati…

Sindrome da tech neck

Sindrome da tech neck

Sindrome da tech neck, ovvero una sintomatologia dolorosa legata all’uso quotidiano della tecnologia. La prolungata o...

Il dolore neuropatico

Il dolore neuropatico

Il dolore neuropatico è definito come una lesione o un patologia del sistema nervoso somatosensoriale centrale e/o...

×

Ciao

Contatta il nostro supporto o chiamaci al 334 7716221

× Scrivici per un appuntamento!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Vuoi leggere la nostra Privacy Privacy policy Officina del Corpo

Chiudi