CICATRICE: IL RICORDO DI UN TRAUMA SCRITTO SUL NOSTRO CORPO.

cicatrice

Maggio 25, 2020

Una Cicatrice è il ricordo di un trauma subito scritto sul nostro corpo. Spesso ci capita di subire traumi oppure operazioni durante il percorso della nostra vita. A volte visibili a volte non visibili esternamente. Esistono certi tipi di eventi che lasciano un segno più o meno visibile sulla nostra pelle: le cicatrici. Possono comparire in seguito a traumi gravi oppure per chirurgia: per il nostro corpo l’intervento chirurgico é comunque una invasione dell’integrità del nostro essere.
Quando le subiamo, si creano delle interruzioni nel tessuto che chiamiamo cicatrici, ovvero dei nodi che legano il tessuto connettivo che le circonda e gli impediscono di muoversi liberamente. Ma quali strutture coinvolge? Solitamente dipende dalla profondità dell’evento : partendo dal tessuto connettivo superficiale, grasso, fascia e via così fino a visceri e aree più profonde a seconda di dove si sia verificato il trauma in questione.

La cicatrice attraversa varie fasi nella propria formazione

Infiammazione, proliferazione, rimodellamento. Dopo l’evento inizia a formarsi una copertura temporanea in attesa dell’evento di proliferazione: le cellule di fibre collagene iniziano a proliferare e formare il tessuto cicatriziale che dapprima risulta malleabile ma andrà progressivamente a formare una parete che separa un connettivo dall’altro e ad essere via via sempre più diversa, praticamente un altro tessuto.
Come ci può influenzare la cicatrice allora? Dipende, non tutte nascono uguali. Ci sono cicatrici superficiali che quindi interessano soltanto la pelle, con conseguenze perlopiù estetiche. Esistono anche cicatrici più profonde come ad esempio quelle da C-section (parto cesareo) che lasciano più tessuti interrotti sotto di sè.
Nelle cicatrici di solito conta anche la loro localizzazione: se posizionate sul davanti influenzano la stabilità postero- anteriore del corpo e viceversa; se di lato possono creare delle torsioni o rotazioni anomale del corpo e delle fasce muscolari.

Dove può intervenire l’Osteopata?

Già a 14 giorni dopo il danno si può iniziare il trattamento manuale sulla cicatrice. Basta una pressione sufficiente per rendere bianca la cicatrice con delle frizioni delle dita della mano. Il procedimento dura fino all’ultima fase e permette di accorciare i tempi per la formazione di una cicatrice molto più elastica e deformabile di una non trattata. In seguito al consolidamento trattare la cicatrice permette di impedire che disturbi lo scorrimento dei tessuti per permettere al corpo di esprimersi al massimo.
Alcuni problemi articolari e dolori muscolari legati alla postura sono influenzati e peggiorati dalla presenza di cicatrici e aderenze profonde nei tessuti adiacenti. All’Officina del Corpo il nostro team di Osteopatia è specializzato nella valutazione e nel riconoscimento dei tessuti cicatriziali e nel loro corretto trattamento manuale.

Continua a leggere le nostre news e ti consigliamo di leggere questo articolo Strappo Muscolare? cos’è e come curarlo

Emil Roussimov-Osteopata

Articoli correlati…

Sindrome da tech neck

Sindrome da tech neck

Sindrome da tech neck, ovvero una sintomatologia dolorosa legata all’uso quotidiano della tecnologia. La prolungata o...

Il dolore neuropatico

Il dolore neuropatico

Il dolore neuropatico è definito come una lesione o un patologia del sistema nervoso somatosensoriale centrale e/o...

×

Ciao

Contatta il nostro supporto o chiamaci al 334 7716221

× Scrivici per un appuntamento!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Vuoi leggere la nostra Privacy Privacy policy Officina del Corpo

Chiudi