IL BENEFICIO DELLA FISIOTERAPIA NELLE CEFALEE

IL BENEFICIO DELLA FISIOTERAPIA NELLE CEFALEE

Agosto 29, 2022

Il beneficio della fisioterapia nelle cefalee può essere un grande sollievo da questa patologia. Analizziamo in questo articolo cos’è la cefalea e come agisce il fisioterapista su di essa.

La cefalea o mal di testa rappresenta ad oggi una patologia molto diffusa nella comunità
mondiale, tanto che la prevalenza si avvicina ai numeri dell’ipertensione e del diabete.
In letteratura vengono descritte fino a 300 forme diverse di cefalea, ma quelle che ritroviamo più spesso sono: la cefalea di tipo tensivo e l’emicrania.

La cefalea di tipo tensivo presenta alcune specifiche caratteristiche:

  • Dolore bilaterale
  • Senso di pesantezza alla fronte
  • Dolore pressorio e non pulsante
  • Può essere presente una aumentata sensibilità alla luce e agli stimoli acustici.
    L’emicrania invece si caratterizza per altri aspetti:
  • Dolore unilaterale e pulsante
  • Intensità maggiore che impedisce alcune attività

Possono essere presenti sintomi quali nausea, vomito e ipersensibilità a luce e stimoli acustici.
Questi 2 tipi di cefalea sono definiti “primari”, ovvero sono esse stesso il problema; esistono poi delle cefalee definite “secondarie” dove il mal di testa è una conseguenza di altre problematiche come alcune disfunzioni cervicali o disordini temporo-mandibolari.

IL BENEFICIO DELLA FISIOTERAPIA NELLE CEFALEE

IL BENEFICIO DELLA FISIOTERAPIA NELLE CEFALEE

Dopo un’accurata valutazione fisioterapica che ci permette di definire se siamo di fronte ad una cefalea di tipo primario o secondario, possiamo delineare un protocollo riabilitativo individualizzato al singolo caso.
La letteratura scientifica sta continuando a dimostrare l’efficacia e i benefici della fisioterapia nei soggetti con cefalea.
Molte volte al trattamento fisioterapico va abbinato anche un percorso farmacologico per il controllo della sintomatologia.
La scopo principale della fisioterapia è quello di ridurre la frequenza degli attacchi, ridurre l’intensità del dolore e la durata dell’attacco.
La fisioterapia prevede :
1) Mobilizzazioni del tratto cervicale per il ripristino della mobilità e funzionalità del tratto
superiore;
2) Trazioni specifiche e globali per la riduzione della sintomatologia;
3) Tecniche di terapia manuale su punti ben precisi per una modificazione del sintomo;
4) Esercizio terapeutico per rinforzo della muscolatura;
5) Educazione del paziente riguardo il suo problema e le strategie domiciliari da mettere in atto per la risoluzione dello stesso.


Francesco Magagna, fisioterapista

Articoli correlati…

Cos’è un crampo muscolare?

Cos’è un crampo muscolare?

Il crampo muscolare è una contrazione improvvisa, breve, involontaria, dolorosa di un muscolo o di un gruppo di...

×

Ciao

Contatta il nostro supporto o chiamaci al 334 7716221

× Scrivici per un appuntamento!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Vuoi leggere la nostra Privacy Privacy policy Officina del Corpo

Chiudi